Recensioni 2000/2017
 

Scritti
 
Rss feed scritti
Rivista: L'architetto italiano N° 17
di gennaio febbraio , 2007
Autore: Michele Costanzo
L'attenzione della critica italiana nei confronti dell'architettura olandese è sempre stata rivolta a cogliere ogni possibile indicazione, ogni segno della sua creatività mista ad un concreto realismo, e il libro di Giampiero Sanguigni, Undutchable, ne è una delle più recenti testimonianze. Per tutto il Novecento questo piccolo paese al centro dell'Europa, in varie forme, e scale d'intervento si è... segue >>
Rivista: Parametro N° 261
di gennaio febbraio , 2006
Autore: Michele Costanzo
E' stato finalmente tradotto in italiano un testo teorico molto importante di Bernard Tschumi Architecture and Disjuction, rendendo di più facile accesso un contributo fondamentale per la cultura architettonica contemporanea. Si tratta di una raccolta di saggi in cui l'architetto svizzero ha modo di delineare con estrema chiarezza, il proprio pensiero. Una serie di riflessioni tra loro distinte d... segue >>
Rivista: l'Arca N° 204
di giugno, 2005
Autore: Michele Costanzo
Il tema che Luca Galofaro sviluppa in Artscapes è quello del rapporto tra arte e paesaggio. Un paesaggio visto attraverso lo sguardo creativo e poetico di architetti e di artisti che, a partire dagli anni Sessanta, hanno realizzato una molteplicità di interventi di sua riconfigurazione, uscendo dal white cube, ossia dalle ormai anguste pareti del museo moderno, e andando ad 'occupare' lo spazio es... segue >>
Rivista: l'Arca N° 192
di maggio , 2004
Autore: Michele Costanzo
Dopo i due fortunati saggi This is tomorrow, e Silenziose avanguardie -in cui, nel primo, Luigi Prestinenza Puglisi affronta le vicende dell'architettura contemporanea nel periodo che va dalla metà degli anni Cinquanta alla metà dei Settanta e, nel secondo, ne prosegue lo sviluppo fino al 2001- con il recente Forme e ombre, prende in esame l'arco temporale compreso tra il 1905 e il 1933. In quest... segue >>
Rivista: Rassegna di architettura e urbanistica N° 115/116
di , 2004
Autore: Michele Costanzo
L'attività progettuale di Ernesto Nathan Rogers è quasi inestricabilmente legata con quella dei suoi 'storici' compagni (Gian Luigi Banfi, morto tragicamente a Mathausen, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti), racchiusa in quella ideala e reale "unità" del gruppo BBPR che rappresenterà, per tutto l'arco della loro vita professionale, un punto di riferimento fondamentale (etico, senti... segue >>
Rivista: Parametro N° 250
di marzo aprile, 2004
Autore: Michele Costanzo
Non capita di frequente leggere una biografia dedicata ad un architetto. E' difficile comprendere la ragione di tanto scarso interesse nei confronti di alcuni significativi aspetti della vita, della personalità, del carattere di un autore le cui opere sono spesso, per così dire, dinanzi agli occhi di tutti, rappresentano uno dei tratti caratteristici del nostro paesaggio quotidiano. Ma è un fatto ... segue >>
Rivista: Controspazio N° 108
di , 2004
Autore: Michele Costanzo
Il recente libro di Gabriele De Giorgi, Alessandra Muntoni e Marcello Pazzaglini (i componenti del Gruppo Metamorph), raccoglie un'accurata selezione della loro produzione progettuale realizzata nell'arco di quasi un quarantennio relativa, sia allo stretto ambito della loro ricerca teorica, che a quello professionale. L'operazione non ha (come potrebbe apparire) alcun intento outocelebrativo, qu... segue >>
Rivista: l'Arca N° 192
di novembre , 2003
Autore: Michele Costanzo
La nuova collana Testo & Immagine, diretta da Luigi Prestinenza Puglisi, si differenzia dall'Universale di Architettura fondata da Bruno Zevi (e pubblicata dallo stesso editore), per il formato (non più tascabile), per una veste editoriale più ricca, per l'apparato illustrativo più esauriente, per i testi che sono più succinti, ma con un taglio incisivo e accattivante e, infine, per il fatto non t... segue >>
Rivista: Parametro N° 246/247
di luglio ottobre , 2003
Autore: Michele Costanzo
Il progetto di Frank Gehry per la Nuvola, la nuova sede newyorkese del Guggenheim che dovrebbe sorgere a Manhattan, lungo l'East River, nel tratto meridionale della costa, è l'importante occasione che Zaira Dato Toscano coglie per esaminare a scala ravvicinata alcuni meccanismi dell'officina ideativa dell'architetto californiano (di origine canadese) e, contemporaneamente, per indagare le profonde... segue >>
Rivista: Rassegna di architettura e urbanistica N° 110/111
di , 2003
Autore: Michele Costanzo
Quello che caratterizza l'espressione artistica del nostro tempo, secondo Bernard Tschumi, è la sistematica contaminazione che investe la realtà in ogni suo aspetto, è la confusione dei generi, il senso di instabilità e di continuo cambiamento che determina l'esistere. L'architettura che riassume in sé concetto ed esperienza, spazio e uso, struttura e immagine, non può più considerare tali categor... segue >>
Rivista: Rassegna di architettura e urbanistica N° 109
di , 2003
Autore: Michele Costanzo
Il libro di Gabriele De Giorgi, Affioramenti. Avanguardia e città, come mette in luce il sottotitolo, si sviluppa all'interno di un'area tematica già presa in esame dall'autore nel fortunato saggio La Terza Avanguardia in Architettura, uscito nel 1998. L'aspetto singolare e, a un tempo, sollecitante (soprattutto per chi ha letto il saggio precedente), che l'autore compie nel suo tentativo di appr... segue >>
Rivista: Parametro N° 240/241
di luglio ottobre , 2002
Autore: Michele Costanzo
La New Babylon dell'artista situazionista Constant Nieuwenhuys, raccoglie sotto tale denominazione una serie di progetti, plastici, disegni, mappe, scritti e quant'altro, il cui comune obiettivo è quello di analizzare, descrivere, illustrare un habitat totalmente nuovo, per una società altrettanto nuova. L'intento di Francesco Careri è quello di inserire l'esperienza dell'artista, unitamente alle... segue >>
Rivista: L'architettura. Cronache e storia N° 561/562
di luglio agosto, 2002
Autore: Michele Costanzo
La rassegna delle opere di Felix Claus e Kees Kaan, che Hans Ibelings presenta nel suo recente libro, copre un arco temporale che va dal 1988 al 2001, ossia dal momento della fondazione del loro studio professionale al presente. Dopo una beve e incisiva introduzione, che punta ad inquadrare la posizione culturale dei due giovani progettisti olandesi all'interno del variegato e composito panorama ... segue >>
Rivista: architettura.supereva.com N°
di , 2002
Autore: Michele Costanzo
L'attività di MVRDV ha la peculiarità di svilupparsi all'interno di un'ideale 'zona intermedia' frutto di sovrapposizioni e sottili interscambi tra aspetti concettuali e reali. «Se non ci fosse stato Farmax, WoZoCo's non ci sarebbe stato o sarebbe stato differente», essi affermano, «senza 3D City, Pinault non sarebbe esistito; e, senza Silodam, non saremmo arrivati a Funzionmixer... Perfino i prog... segue >>
Rivista: L'architettura. Cronache e storia N° 557
di marzo , 2002
Autore: Michele Costanzo
Mostri metropolitani di Antonino Terranova, non è un saggio nel senso tradizionale del termine, ma piuttosto è un esperimento di scrittura sul tema della perdita di forma del paesaggio urbano contemporaneo, dove espressione e contenuto tendono a fondersi in un corpo unico: più precisamente, il 'corpo' testuale punta a conformarsi secondo la materia di cui tratta. Lo stile 'arbasiniano' che Terr... segue >>
Rivista: Parametro N° 235
di luglio ottobre , 2001
Autore: Michele Costanzo
Silenziose avanguardie, è il titolo del recente saggio di Luigi Prestinenza Puglisi, in cui prende in esame un territorio della ricerca progettuale a lui particolarmente caro, ancora scarsamente esplorato dalla storiografia architettonica, quello dell'avanguardia novecentesca. In particolare, l'ambito su cui svolge la sua attenta indagine concerne un definito tratto temporale di tale percorso di s... segue >>
Rivista: Metamorfosi N° 39
di gennaio , 2000
Autore: Michele Costanzo
Farmax è il primo testo 'teorico' del gruppo olandese MVRDV e si presenta come una raccolta di articoli e progetti, unitamente ad altri scritti e indagini di tipo scientifico, statistico e socio-antropologico relativi alla tematica della densità. Tale filo conduttore attraversa e lega gli eterogenei contributi, fornendo loro una cadenza logica. «Vaste aree dell'Olanda e di altre nazioni», afferman... segue >>